Commissione Lavori pubblici (8a) – Proposta di indagine conoscitiva sullo sviluppo delle reti di telecomunicazione elettronica e banda larga con tecnologia 5G.

Commissione Lavori pubblici (8a)Proposta di indagine conoscitiva sullo sviluppo delle reti di telecomunicazione elettronica e banda larga con tecnologia 5G

Nella seduta di martedì 19 novembre, il PRESIDENTE ha ricordato che nell'Ufficio di Presidenza del 5 novembre 2019 si è convenuto di inserire all'ordine del giorno della Commissione l'esame della proposta di indagine conoscitiva sullo sviluppo delle reti di telecomunicazione elettronica a banda larga con tecnologia 5G.

Il programma dell'indagine potrebbe prevedere le audizioni dei seguenti soggetti: Ministero dello sviluppo economico e altre autorità e strutture governative competenti; Autorità per le garanzie nelle comunicazioni; Autorità garante della concorrenza e del mercato; operatori telefonici e delle telecomunicazioni; Cassa depositi e prestiti S.p.A.; rappresentanti degli enti territoriali; associazioni di categoria e organizzazioni sindacali; esperti della materia.

La senatrice Pergreffi (L-SP-PSd'Az) ha segnalato che l'omologa Commissione della Camera dei deputati sta svolgendo una procedura informativa analoga a quella oggetto della proposta in titolo, della quale sarebbe opportuno attendere la conclusione. Si potrebbero dunque iniziare le audizioni nell'ambito dell'indagine conoscitiva sulle concessioni autostradali testé deliberata e rinviare l'inizio della seconda indagine conoscitiva ad un momento successivo. Per il futuro, sarebbe poi possibile valutare lo svolgimento di indagini conoscitive congiunte con le omologhe Commissioni della Camera dei deputati.

Il PRESIDENTE ha ricordato che la IX Commissione della Camera dei deputati ha terminato lo svolgimento delle audizioni previste nel termine da ultimo prorogato del 15 novembre. Resta quindi la fase della predisposizione e approvazione del documento conclusivo.

Il senatore Santillo (M5S), ha dichiarato che nulla osta a rinviare la deliberazione dell'avvio dell'indagine conoscitiva in titolo.

Il senatore Campari (L-SP-PSd'Az), nell'associarsi alla richiesta della senatrice Pergreffi, ha evidenziato che nell'indagine conoscitiva potrebbe anche essere audito il Ministero della salute.

Il senatore Cioffi (M5S) ha condiviso l'opportunità di acquisire tutta la documentazione della Camera dei deputati prima di valutare l'avvio di una nuova indagine. Quando sarà il momento, l'indagine conoscitiva potrà rappresentare anche la sede per tranquillizzare quei cittadini che temono un impatto delle nuove tecnologie sulla salute, considerato che i limiti delle emissioni in Italia sono i più restrittivi d'Europa.

Incidentalmente ha proposto che la Commissione lavori pubblici, eventualmente insieme alla Commissione industria, individui le modalità più opportune per esaminare un tema di grandissima attualità e rilevanza, che è quello dell'intelligenza artificiale.

Il presidente ha osservato che l'impatto dell'intelligenza artificiale su materie di competenza della Commissione - quali ad esempio il trasporto e la sicurezza stradale - potrà essere valutato in occasione dell'esame di provvedimenti specifici, quale quello di riforma del codice della strada che la Camera dei deputati dovrebbe licenziare a breve e trasmettere al Senato.

Il senatore Cioffi (M5S) ha affermato che il tema dell'intelligenza artificiale è molto ampio e ha effetti potenzialmente enormi e il Senato dovrebbe trovare il modo per occuparsene compiutamente. Si potrebbe pensare anche a delle mozioni in Aula, ma sarebbe meglio svolgere un'attività istruttoria in Commissione.

Il senatore Campari (L-SP-PSd'Az) ha concordato che si tratti di un tema molto delicato, che presenta anche una serie di importanti risvolti etici, e che sarebbe quindi importante definire chiaramente l'oggetto di indagine e i relativi strumenti.

Il PRESIDENTE, alla luce del dibattito svoltosi, ha rinviato l'esame della proposta di indagine conoscitiva in titolo ad altra seduta.